Non hai mai capito come e soprattutto perché studiare latino? Scopriamo insieme questa lingua antica e piena di fascino in modo che smetta di farti paura.

Perché studiare latino: tutti i motivi per conoscere questa lingua antica.

Il latino è spesso la bestia nera degli studenti di tutte le generazioni e di tutti gli indirizzi scolastici. Questa lingua antica è comune a diversi indirizzi scolastici: a parte i tradizionali Classico e Scientifico, si occupano di Latino il Liceo delle scienze umane, l’Economico-sociale e il Linguistico (nel primo biennio). Studiare latino al liceo è davvero difficile, e non tutti riescono a entrare nel meccanismo di questa lingua.
Ma quali sono i motivi per studiare e tradurre le versioni di latino? Innanzitutto, il latino è un patrimonio culturale non indifferente, che costituisce un bagaglio di base molto importante per la cultura generale. La nostra storia è pervasa di cultura latina, ed è fondamentale comprendere alcuni significati e citazioni, soprattutto per alcune professioni.
Tradurre le versioni di latino, per altro, rende il cervello enormemente più elastico e portato a molte discipline, anche e soprattutto scientifiche. Il latino è come un puzzle: le parole che possono e devono stare insieme molto spesso sono a grande distanza, e serve esercizio per risistemare la costruzione della frase.

 

studiare latino

 

Tradurre le versioni di latino, il metodo da adottare.

Oltre che studiare latino, bisogna anche tradurre le versioni di latino. Forse la traduzione è lo scoglio che viene visto come più insormontabile rispetto alla comprensione, ad esempio, della letteratura. Il metodo da adottare per le versioni quando ci si trova a studiare latino da soli non può e non deve essere intuitivo. Bando, quindi, ai tentativi al buio, o peggio, alla traduzione parola per parola senza alcun significato.
Per prima cosa, per tradurre le versioni di latino bisogna conoscere la grammatica e soprattutto la sintassi con le sue particolarità. Molto tempo va lasciato all’analisi delle subordinate e alla costruzione della frase, per mettere in ordine le parole e trovare gli elementi che vanno abbinati, prima di avventurarsi con la traduzione con il dizionario.
Importantissima nello studio del latino è la prudenza verso i cosiddetti falsi amici. Ci sono, infatti, parole che in italiano significano qualcosa e in latino hanno un significato completamente diverso (che magari si è evoluto e modificato nel corso dei secoli). Molti studenti che non hanno voglia di cercare sul dizionario si fanno ingannare da queste parole e le traducono con il significato che hanno in italiano, stravolgendo completamente il significato della versione.

Come studiare latino da soli senza scoraggiarsi.

Dopo aver capito perché studiare latino e come tradurre le versioni, bisogna farsi una domanda onesta: come fare a studiare latino da soli senza perdere la speranza? A volte frasi e testi sembrano non avere alcun senso, e la cultura sembra distintissima da noi. Quindi come studiare latino con un metodo non mnemonico?
Per prima cosa bisogna avere una buona conoscenza della storia romana e antica in generale. Nei primi anni di liceo si affronta prima la storia greca e poi quella di Roma. In questi momenti bisogna studiare per capire e non solo per prendere un bel voto: solo in questo modo ci si fa una base sulla società latina e si riescono a comprendere certe dinamiche.
Quando si studia la lingua latina, poi, che di solito coincide con la traduzione delle versioni, non bisogna mai arrendersi e applicare al latino il metodo che si applica, ad esempio, alla matematica: le regole e le “formule” sono lì per essere applicate, e se qualcosa non torna bisogna tornare sui propri passi e scoprire l’errore.
Nello studio della letteratura, invece, il trucco per studiare latino da soli è quello di contestualizzare gli eventi con i comportamenti moderni: anche all’epoca dell’impero Romano c’erano intrighi, tradimenti, amori, vendette e insulti, esattamente come oggi. Se si legge ogni autore e ogni poeta conoscendone la vita e il pensiero a fondo, molte vicende possono ricordare quelle odierne e possono quindi coinvolgere lo studente.

Conviene o no studiare latino?

Insomma, ragazzi, studiare latino al liceo è una bella fatica ma riempie davvero la mente e la apre al confronto con altre culture. A voi piace il latino? Come lo affrontate? Continuate a seguirci e a leggere gli altri articoli per scoprire tutti i segreti e i retroscena del latino.

Come studiare Latino al Liceo?